Patti Smith

Tra Rimbaud e San Francesco

Susanna Dolci   Angelo Senzacqua

copertina_smith_3d

13.00 11.00

Disponibile

Disponibile dal 25 gennaio 2017

A partire da 60 euro di acquisto, spese di spedizione gratuite

Una miccia lunga 175 centimetri in un corpo magro, segaligno. Un viso ieratico. Capelli – lunghi o corti, secondo le mode – comunque sempre scombinati: a darle l’aria di una mitologica medusa. Non può essere del tutto semplice la donna che accompagna la dipartita di Allen Ginsberg leggendogli i Cantos di Ezra Pound. Nella foresta dei simboli, la parola si fa musica e i poeti danzano tra loro, senza tempo.

Patti Smith resta, nella Leggenda del Novecento, figura unica per la sua poliedricità artistica delineata, musicalmente, da una voce graffiante: urlo di un’energia rabbiosa, visionaria e allucinata. Cantante, poetessa, front woman, performer e ribelle. Di quella ribellione che si trasforma nell’oricalco della personalità, della creatività. Chi sono i poeti che hanno ispirato e dato linfa letteraria alla sua produzione musicale? Quali sono le sue fonti, i suoi autori di riferimento, le sue letture? Tra Rimbaud e San Francesco, ecco il ritratto poetico di una delle icone della new wave, immortalato in questo saggio che contiene una parte introduttiva e una antologica.

edizione:
anno:2017
pagine:150
Recensione
Commenta