Miscredenti

Islam e Terrore: storia di un malinteso

Sandro Verderosa

copertina_proudhon_3d-3 copia

16.00 8.00

Disponibile

A partire da 60 euro di acquisto, spese di spedizione gratuite

«La maggior parte degli europei non hanno valutato esattamente l’importanza dell’apporto che hanno ricevuto dalla civiltà islamica, né compreso la natura dei debiti che hanno avuto in passato con questa civiltà, e altri arrivano fino a misconoscere totalmente qualsiasi relazione». 
René Guénon

L’11 settembre del 2001 abbiamo assistito a quello che Baudrillard definì “l’evento assoluto che racchiude in sé tutti gli eventi che non hanno avuto luogo”, e che ha siglato l’anno zero di un conflitto ancora in corso tra Oriente e Occidente. Abbiamo dovuto fare i conti con un mondo – quello islamico – sconosciuto e lontano, che adesso è diventato sinonimo di terrorismo. Ma cos’è l’Islam? E di quale Islam parlano gli apologeti tycoon dello scontro di civiltà? L’idea che in questo termine – per alcuni “sottomissione”, per altri “abbandono” – coincidano tutte le confessioni di chi si professa mussulmano, è un lapsus ideologico fin troppo comodo a chi vuole indire una nuova crociata. Cos’è il fondamentalismo islamico? Un “terrorista”, un integralista, lo Stato Islamico, rientrano nella fede musulmana? Possiamo ancora parlare di Islam quando si ha a che fare con Daesh?
È a tal proposito che in questo lavoro si è voluto trattare il tema dell’I­slamismo radicale; e per poter analizzare gli aspetti che rendono l’Isla­mismo takfirista contemporaneo un corpo estraneo alla tradi­zione islamica, si è dovuto partire da molto lontano, attraverso una disamina del variegato universo musulmano, dove si intrecciano e si scontrano diverse sue scuole giurisprudenziali – il Sunnismo, lo Sciismo e il Kharigismo – i movimenti riformisti – il Salafismo e il Wahhābismo – per arrivare fino all’Islamismo 2.0 dei nostri giorni e far comprendere al lettore che qualsivoglia equazione del tipo, “ISIS = Islam”, non solo è semplicistica ma è anche errata. Soprattutto perché, ad oggi, le principali vittime del terrorismo, sono i musulmani.

edizione:Circolo Proudhon Edizioni | Concetti
anno:2017
pagine:197
Commenta