In Fiamme

Violenza politica in Italia (1890-1922)

Nicola Maiale

Blank bookcover with clipping path

15.00 13.00

Disponibile

A partire da 60 euro di acquisto, spese di spedizione gratuite

Cos’è successo in Italia esattamente un secolo fa? Perché, tra gli inizi del ‘900 ed il 1922, una parte dei giovani italiani individuò nella violenza lo strumento principale per rovesciare lo Stato liberale e tentare di trasformare radicalmente il nostro Paese? Una ricerca che parte dall’analisi della ribellione giovanile italiana d’inizio Novecento per finire al 28 ottobre 1922: l’ansia dell’attesa, le ideologie della crisi, i futuristi, i nazionalisti, i sindacalisti rivoluzionari, la guerra e l’assalto al cielo degli operai e dei contadini, le occupazioni delle fabbriche e delle terre, l’impresa di Fiume e D’Annunzio, lo squadrismo e gli Arditi del Popolo, le barricate di Parma e la marcia su Roma. Le idee, i protagonisti, gli strumenti di una ribellione generazionale divenuta guerra civile.

edizione:Circolo Proudhon Edizioni
anno:2015
pagine:273
Recensione
Commenta