Il crepuscolo dei filosofi

Giovanni Papini

Blank bookcover with clipping path

14.00 7.00

Disponibile

A partire da 60 euro di acquisto, spese di spedizione gratuite

Scritto nel 1906, Il crepuscolo dei filosofi è un processo alla filosofia e alle maggiori figure del pensiero ottocentesco: Papini traccia i profili di Kant, Hegel, Schopenhauer, Comte, Spencer e Nietzsche e tratta in chiave parodistica le loro “tre o quattro idee”. Accusati di irrigidire in schemi e categorie astratte la realtà e la natura, i filosofi dell’Assoluto “sono da gettare via come carogne”. Il primo libro di Papini non è solo un saggio “pragmatista” contro la Verità con la V maiuscola, la speculazione astratta, il dogmatismo, l’irrazionalità della ragione, ma un invito ad accettare la profonda contraddittorietà dell’esistente. “Licenziare la filosofia” vuol dire perciò agire, entrare spavaldamente nella vita, nella moltitudine, nel divenire, nel paradosso, mentre il mondo dell’unità assoluta, disegnato dai filosofi, non è che “il regno della calma, del riposo, dell’immobilità, della morte”.

edizione:Circolo Proudhon Edizioni
anno:2015
pagine:171
Recensione
Commenta