Il Bestiario degli italiani – Numero 0

best

3.00

Non disponibile

A partire da 60 euro di acquisto, spese di spedizione gratuite

Perché Il Bestiario? Nel medioevo, il bestiario indicava una particolare categoria di opere didattiche che descrivevano la natura di animali, reali e immaginari, da cui trarre insegnamenti morali e religiosi. La rivista il Bestiario degli italiani, vuole, oggi, descrivere la natura di questo popolo, di questo variopinto catalogo di tipi umani, unico perché italiano. Bestie dai natali mitici, tradizionalisti e anti-burocratici, grotteschi nell’essere al passo con i tempi, eccezionali nell’essere d’altri tempi. Cos’è l’Italia? Cosa significa essere italiani? Cos’è l’italianità? Cos’è il genio italiano? Cercheremo di rispondere a queste domande decisive sulle pagine di questo nuovo progetto editoriale che si iscrive in perfetta continuità con il quotidiano online L’Intellettuale Dissidente e la casa editrice Circolo Proudhon. In questa nuova rivista, ripercorreremo il primo Novecento italiano, dando vita, nuovamente, al movimento culturale e letterario “Strapaese” sviluppatosi negli anni Venti, e attivo su riviste quali “Il Selvaggio” di Mino Maccari e “L’Italiano” di Leo Longanesi. Nel solco di questo filone culturale caratterizzato non solo da Maccari e da Longanesi, ma anche da Prezzolini, Papini, Malaparte, Palazzeschi, Soffici e altri – poi ripreso a suo modo dai Parise, i Pasolini e i Flaiano – vogliamo raccontarvi il genio dell’Italia profonda, quella, popolare, contadina, anarchica, conservatrice, campanilista, medievale, rurale, anticonformista, oziosa, artigiana. Il Bestiario degli italiani sarà una rivista prettamente di cultura, societale e letteraria, composta da 32 pagine circa, con una cadenza trimestrale, ma che vuole, col tempo, diventare mensile. Scrittori emergenti, qualche grande firma e uno stile pamphletistico scandito da vignette e illustrazioni darà vita alla prima rivista strapaesana del nuovo millennio.

edizione:
anno:Ottobre - Novembre - Dicembre 2015
pagine:32
Commenta